I folletti esistono

Reads: 138  | Likes: 0  | Shelves: 0  | Comments: 0

Status: Finished  |  Genre: Romance  |  House: Booksie Classic

Le canzoni racchiudono tutto te stesso ma spesso un aiuto può svoltare una situazione di blocco.

Sbuffo e tiro un pugno alla sveglia che suona da una buona mezz'ora, ho passato una nottata orribile, la testa non ha smesso un solo istante di pensare ho provato a convincerla di smettere ma niente non ha funzionato.
Adesso devo proprio alzarmi, devo ritrovarmi con i ragazzi. 
Mi alzo ancora più controvoglia di prima recuperando i vestiti su quella che prima era una sedia. 
Scendo in cucina e santifico mamma che ha fatto più caffè probabilmente ha sentito voci provenire dalla mia camera stanotte e ha capito che non ho dormito, poi ha il senso da mamma come dice sempre.
Le bacio la guancia lanciandomi subito sul caffè quel santo nettare che mi riporta su questa terra fin troppo strana.
Tanto la colazione la farò allo studio ormai con i ragazzi facciamo sempre così. 
Metto la tazzina nel lavandino, saluto nuovamente mamma dopo aver preso chiavi e telefono e esco di casa. 
In minuti sono allo studio che è già invaso io come sempre arrivo in ritardo ma ormai si sono abituati, do un buongiorno veloce a tutti per poi lanciarmi sul cibo oggi hanno fatto la scorta, che pochi strano di solito dobbiamo festeggiare qualcosa quando ne arrivano così tanto oh beh se dobbiamo fare qualcosa mi diranno.
Cerco di capire qualcosa dal chiacchiericcio ma sento solo che si stanno organizzando per andare a prendere un ragazzo in stazione beh magari non neanche riguarda me questo discorso. 
Mi lascio crollare sul divanetto adesso che sono a pancia piena direi che sto decisamente meglio, tanto qua va a finire che gli impegni vanno a farsi benedire l'unica cosa che sento è il chiacchiericcio. 
Chiudo gli occhi per qualche secondo e crollo senza accorgermene la stanchezza di non aver dormito adesso si fa sentire. 
Vengo svegliato dai ragazzi son passate tre ore come se fossero pochi minuti, cerco di capire cosa mi stanno dicendo ma niente sono troppo addormentato capto solo che abbiamo gente. 
Mi passo una mano sul viso quando vedo passare davanti a me uno scheletro con carne addosso ah no è il ragazzo di cui parlavano prima. 
Mi alzo in piedi per le presentazioni vecchie abitudini, dopotutto ora come ora quasi tutti mi conosco come Caparezza ma lui mi spiazza dicendomi che mi conosce come MikiMix oh mamma è così tanto che non lo sentivo che mi fa dannatamente impressione, però aspetta non mi è un viso sconosciuto ora che il mio cervello si sta nuovamente accendendo.
Ma certo!
L'ho sempre visto a quella sottospecie di "concerti" che facevo solo che non ricordo se mi ha detto il suo nome.
Quando me lo dice la mia testa parte per un viaggio astrale, adesso ricordo pure la dedica che gli feci su un mio cd.
<" A Diego il mio fan più accanito" >
Certo che è proprio strana questa vita, io credevo di aver chiuso con il mondo di Mikimix e invece guarda un po'
Trattengo a difficoltà le risate quando sento i ragazzi borbottare che sarebbe una seconda voce migliore di quella che ho adesso, beh in effetti non mi ci trovo molto bene pure io, volte ho dovuto riprenderlo perché cercava distare la mia voce e sinceramente non mi va molto un genio. 
Cerco di capire la vera ragione del suo arrivo qua e tutto mi è chiaro quando vedo lo spartito di "Vengo dalla Luna" alla fin fine ci siamo mossi in una direzione solo che non mi aspettavo lui sinceramente. 
Certo che il destino è proprio strano e buffo.
Ci spostiamo in sala prove mettendo direttamente il suo punto ora sono curioso e neanche poco.
Rimango stupito dalla sua voce, al punto del ritornello unico la mia. 
Dannazione ci siamo !
Funziona perfettamente è proprio il suono che cercavo ma soprattutto l'intesa che sentivo mancare alzo la testa e vedo gli altri alzare il pollice e farmi il segno dell'ok, perfetto piace pure a loro e per me è una cosa assolutamente fondamentale. 
Ma adesso passiamo alla prima registrazione vera e propria, faccio ripartire la base dall'inizio partendo io lasciandogli poi spazio quando è il suo momento godendomelo mi piace davvero la sua voce.
Quando è finita la registrazione la sento rimanendo stupito del lavoro appena fatto. 
"Ma allora è proprio vero che i folletti esistono" gli dico gli tiro una pacca sulla spalla, mi piace questa sensazione è già mentre entra in questa famiglia strampalata.


Submitted: June 09, 2022

© Copyright 2022 Axl.Rose. All rights reserved.

Add Your Comments:


Facebook Comments

More Romance Short Stories

Other Content by Axl.Rose

Short Story / Romance

Short Story / Gay and Lesbian

Short Story / Gay and Lesbian